stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
logo del comune
Comune di Manta
Stai navigando in : Territorio e cultura

Mulino di San Rocco
 

Mulino di San RoccoIl mulino di San Rocco ancora oggi è individuato dai meccanismi idraulici esterni: la ruota, la “balconera” e le saracinesche del canale alimentatore. Le sue caratteristiche di centralità rispetto alla vita produttiva e sociale del circondario, il mantenimento dell’apparato tecnico di un mestiere tradizionale, ma soprattutto l’origine antica e la continuità d’uso mai venuta meno fino a giorni recenti, fanno di questa piccola memoria una preziosa testimonianza della storia del luogo.

Si trovano notizie di “un mulino a due ruote da grano giranti” in un documento del 1613 ed in uno successivo del 1634, ma accenni a “Molendina” sono rintracciabili ancora più precocemente, nei documenti relativi all’uso della bealera del corso negli anni ottanta del quattrocento.
Il mulino di Manta viene nuovamente citato come parte dei beni feudali posseduti da Michele Antonio di Saluzzo all’atto del consegnamento il 23 giugno 1715, e può essere localizzato con precisione, nel luogo che corrisponde all’attuale, mediante la Mappa del Catasto piemontese del 1791, confermando l’appartenenza ai Conti di Saluzzo e quindi la straordinaria continuità nel tempo dell’impianto.
Dopo la metà dell’ottocento risulta acquistato da altri particolari, aumentando la sua capacità a tre palmenti, sempre usati per la macinazione dei cereali.

Comune di Manta - Piazza del Popolo, 1 - 12030 Manta (CN)
  Tel: 0175.85205   Codice Fiscale: 85001810044   Partita IVA: 00300960044
  P.E.C.: protocollo@pec.comune.manta.cn.it   Email: protocollo@comunemanta.it
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento